Dirigente Sportivo Istituzionale

Correva il 5 Maggio del 1966, quando Giulio Onesti, onorava assieme alla Giunta Nazionale del Coni l’Ordine del giorno, deliberando la nascita della “Scuola Centrale dello Sport del Comitato Olimpico Nazionale Italiano“. Avvocato Giurista e Dirigente Sportivo, soldato delle Seconda Guerra Mondiale, coinvolto attivamente nella “lotta Partigiana“. Lo Sport sua passione primaria, Commissario Straordinario del Coni, scelto per la sua vocazione nobile e lodevole a ricoprire a breve tempo il ruolo di Presidente dello stesso Coni, voluto dal Presidente del Consiglio Alcide De Gasperi, sostituito a fine degli anni ’70 da Franco Carraro (esponente del Poltronismo, per i molteplici incarichi che ricopriva nella Figc. Coinvolto nello scandalo del Calcio Italiano nel 2006 con la conseguente dimissione. Condannato a 4 anni per frode sportiva, nella Sentenza del Caf e multato nella Sentenza della Corte Federale), grazie ad un’assurda legge statale che lo dichiarava ineleggibile. Nel ’45 l’Avvocato Onesti apriva ai concorsi dei pronostici attraverso la Sisal con il Totocalcio passato successivamente alle direttive del Coni. Gli introiti dei concorsi si mostravano subito alti, le persone apprezzavano le giocate a pronostico sul risultato delle partite di Calcio, con la famosa “Schedina“. Con delle interrogazioni parlamentari e seguente Legge, otteneva la suddivisione dei ricavi al 50% tra Coni e Stato. Dicevamo della Scuola di Formazione del Comitato Olimpico, la quale dopo vari cambiamenti interni Istituzionali, i tributi dello Stato non tardavano ad arrivare, proprio per l’educazione e la didattica che lo distingueva con percorsi professionali, investimenti di qualifica per Tecnici manageriali ad alto valore. Lo Sport deve a questo Avvocato il Modello Sportivo che ancor oggi è presente in questo meraviglioso Mondo “atletico” conservando originalità e cultura del benessere fisico e mentale. Scuola e Sport è l’impegno primario che il Coni sostiene sia per l’evoluzione nel tempo delle Discipline Sportive, sia per l’unicità del progetto nato dopo i Giochi Olimpici Invernali di Cortina a metà degli anni ’50 e le Olimpiadi di Roma del ’60. Sport Nazionale sinonimo di impegno professionale, ambizione personale, strumento scientifico motorio e di alto valore formativo, di aggregazione e Cultura.

Lo Sport è Uguale per Tutti

Una corposa Legislazione, un’insieme di Normative che riferiscono allo Sport, anche le Scuole sia quelle d’Istruzione sia quelle Dilettantistiche/Agonistiche hanno una regolamentazione fondamentale per avere ed offrire una migliore efficienza ai molteplici impegni da sostenere nell’arco delle Stagioni. Con la crescita esponenziale dell’Interesse Sportivo, gli Operatori Federali hanno ritenuto dare maggiore evidenza alla Normativa documentale in materia di Sport tramite le Fonti Giuridiche , con l’aiuto informatico della New Technology Telematica, la quale regolamenta le consultazione, i provvedimenti, le sentenze normative di fonti sportive. Le Pubbliche Amministrazioni intendono seguire questa strada investendo fondi Europei per l’Unificazione di portali di informazione Legislativa a favore dei Cittadini. Le maggiori Fonti Costituzionali sono le Competenze delle Regioni con la modifica al Titolo V della Costituzione; si unificano a tale approfondimento l’Ordinamento e Regolamenti del CONI, le Istituzioni Sportive associate tipo il Comitato Italiano Paralimpico con la promozione della pratica dello Sport da parte delle persone disabili, la Giustizia Sportiva a tutela della correttezza dello svolgimento delle manifestazioni sportive ufficiali e Codice Sportivo, Tutela Sanitaria a favore della Lotta contro il Doping con la collaborazione attiva con patto d’intesa tra il Ministero della Salute ed il Ministero delle Politiche Giovanili e le attività sportive del CONI. Un ruolo determinante per lo svolgimento delle Discipline Sportive sono i rinnovamenti a livello di messa in sicurezza degli Impianti Sportivi delle Associazioni Dilettantistiche, l’Istituto al Credito Sportivo, infine ultimo ma non per questo ultima a livello di importanza il Contrasto alla Violenza.

SIR JAMES A. NAISMITH: THE NEW GAME

Insegnante, allenatore ed inventore della Disciplina Sportiva della Pallacanestro Sir James A. Naismith di origine canadese soprannominato The Doc. Gli studi universitari in Medicina lo portano a diventare Docente di Educazione Fisica, scrisse le 13 principali Regole del Gioco, organizzando a fine ‘800 con il First Team presso il Collage Springfield la prima partita di Pallacanestro. La passione per lo Sport, per la ginnastica da palestra, soprattutto l’innata iniziativa di proporsi in altre Attività come il Football Americano grazie ad un infortunio di un giocatore di una Squadra Universitaria del Massachusetts, diventando per gli anni a venire un giocatore a tutti gli effetti del Team. Riusciva a sostenere più Discipline durante la settimana di Studio tra le quali l’Atletica Leggere ed il Lacrosse. Con l’aiuto dell’amico professore Gulik, Sir Naismith cercò un’alternativa, per altro con richiesta ufficiale della Dirigenza del Collage Springfiel, che potesse divertire in modo assai diverso gli Studenti del corso di Educazione Fisica nello sviluppo didattico e pratico nelle stagioni invernali. Un gioco pratico, semplice, Indoor, con limitate azioni di contatto ed economico. L’ispirazione avvenne tramite ricordi d’infanzia con il Duck on a Rock un tiro a parabola di un sasso con l’obbiettivo di centrare un bersaglio, associando studi dei Giochi dell’ Antichità e quelli di Squadra dei tempi più moderni. Giorni di duro lavoro, di studi effettuati in biblioteche, portavano a scrivere i principi Fondamentali, esattamente cinque dei quali: il Gioco doveva essere praticato con la Palla rotonda e deve essere toccata e maneggiata solo con l’uso delle mani, vietato camminare tendo la palla tra le mani, posizioni di gioco dei partecipanti a preferenza, vietato il contatto falloso tra giocatori, il Goal è effettuato con la forza delle braccia e delle mani in quanto la rete doveva essere posizionata in alto. Da queste basi ne scaturì le famose ed ormai note al Mondo Sportivo 13 Regole del “New Game” (le quali identificano ancor oggi il gioco del Basket). Venivano pubblicate a fine ‘800 sul Giornale Studentesco “The Triangle” in concomitanza dell’incontro tra Docenti e Studenti, vinto dai primi con il risultato di 5-1. The Doc fu il primo Allenatore dello Sport della Pallacanestro nella Storia guidando la Squadra del Kansas fino agli anni dei primi del ‘900. Tale Disciplina Sportiva riusciva a diventare popolare a Livello Mondiale, partecipando ai programmi Olimpici Estivi a Berlino ed in Tornei riconosciuti dal CIO nei primi anni del XX Secolo. Proprio a Berlino Naismith ebbe l’onore di alzare la palla a due al Torneo Olimpico, consegnando inoltre a fine gare la Medaglia d’oro al Team Statunitense. Prima della sua morte nel 1939 fu Presidente della Federazione internazionale Pallacanestro, negli anni successivi alla Sua scomparsa fu omaggiato e riconosciuto come membro Onorario della Basketball Hall of Fame con la denominazione di “Naismith Memorial Basketball Hall of Fame”.