LEGA PROFESSIONISTICA LACROSSE

E’ uno Sport di Squadra originario del Nord America, mentre in Canada è lo Sport Nazionale associato al più famoso e praticato Hockey su Ghiaccio. Il Team si compone da un Portiere, quattro difensori, due mediani e quattro attaccanti. Questa Disciplina ha origine principalmente dagli Amerindi XV secolo detto Battataway, il quale veniva praticato dalle tribù americane per dispute di ogni genere. Il tempo di gioco non era definito quindi poteva durare anche tanti giorni coinvolgendo centinaia di giocatori. La documentazione storica narra di due Squadre del Sud America esattamente dell’Ontario ed in Canada nella prima metà del 1600. In Francia nella metà dell’800 le regole di questo Sport venivano completamente stravolte ideando a Montreal il Moderno Lacrosse. Dagli antichi americani arrivando ai giorni nostri, gli sportivi statunitensi sono molto legati al Lacrosse, la Federazione di competenza è la ILF International Lacrosse Federation sorta nel 1974 in Canada; la squadra di riferimento sia per importanza, sia per espressione storica è la IROCHESE. Il gioco si sviluppa nell’imbucare la palla con una racchetta allungata triangolare nella porta avversaria, chi ha un punteggio superiore di goal vince la partita in un tempo di 80 minuti suddivisi in 4 intervalli di 20 minuti ciascuno. In Italia la Federazione Gioco Lacrosse fondata nel 2007 con a presidenza Fabio Antonelli atta a divulgare e promuovere a livello nazionale questa spettacolare disciplina sportiva, insieme alla FIGL Organo Internazionale di Lacrosse.

 

 

Disciplina Sportiva: Aereo Club di Genova

Nasceva nel 1928, come Club Aereonautico appartenente alla RAeCI (Reale Aereo Club d’Italia), esponenti fondatori i fratelli Parodi e Profumo. Il primo Istruttore pluridecorato, reduce di guerra era uno dei due fratelli Giorgio Parodi aviatore abilissimo. Il velivolo a disposizione del Club di Genova era il De Havviland DH 82 biplano di addestramento britannico, mentre la prima base di aviazione sportiva genovese era organizzata al Lido d’Albaro, già sede del prestigioso Stabilimento balneare Ligure. Successivamente la Sede del Club veniva trasferita presso l’idroscalo di Sampierdarena con una denominazione differente, la RUNA (Reale Unione Nazionale Aereonautica), nelle vicinanze della Lanterna della Superba. La flotta veniva arricchita da hangar, officine e velivoli Caproni Ca.100 versione Idro, un idrovolante Breda, ed un anfibio. Nel 1947, dopo la 2° Guerra Mondiale, Armando Piaggio fondatore dell’industria Aereonautica ricostituiva la denominazione di Aereo Club rimettendo insieme il patrimonio di velivoli, piloti e attività sportive e ricognitive. Questo, grazie all’aiuto della Marchesa Negrone e dei Soci dell’Aereo Club, con l’arrivo di altri velivoli, si realizzava la nuova rinascita dell’idroscalo genovese, segnato dalla Guerra. Nel 1955 la Direzione del Club Aereonautico consegnava alla Marchesa Negrone vera eroina dei cieli e detentrice di 7° primati mondiali sportivi, la Presidenza; per la chiusura dell’idroscalo il Club venne trasferito a Novi Ligure. Nel 1954 infatti iniziavano i lavori per la costruzione dell’Aeroporto terrestre di Genova, l’inaugurazione avveniva nel 1962, con il volo del Comandante Contigini, il quale consacrava definitivamente il ritorno dell’Aereo Club nel Capoluogo Ligure.

Società Sportiva Moderna, cenni e valutazioni

Nella Società Moderna lo Sport ha acquisito notevole importanza, sia nell’ambito economico, sia come Attività agonistica per professionisti, sia nella vita privata, come occasione di svago e socializzazione.  Stato, Regioni, Comuni, devono investire denaro per l’incentivare la New Culture, sia la formazione Didattica Sportiva per tutte le età. Lo Sport promuove un’equilibrata maturità psicofisica, come un insegnamento al senso dell’impegno e della costanza, dello sforzo, del rispetto per l’avversario. E’ stato praticato fin nell’antichità, quando nella seconda metà del 700 a.C. i Greci organizzarono la Prima Olimpiade. Legato alla Religione, per venerare gli Dei, espressione vitale di impegno, sforzo fisico e competizione. Guida mentale, utile al contrasto dello Stress, intesa fra il partecipante e le sue emozioni, espressione dei propri stati d’animo e relazioni interpersonali. Il significato della parola Sport è ben noto alla gente, l’interpretazione che ognuno esprime è tuttavia differente da soggetto a soggetto. Sport per Passione, per il proprio benessere, per la crescita fisica, per professione, sono esempi di tutto ciò che viene incluso in un concetto apparentemente semplice ed ovvio, ma nel complesso decisamente trascurato e poco analizzato per la nobile finalità. L’importanza della classificazione dello Sport, rispecchia la Società in cui viviamo. Avvertimenti di mancanza di Centri Sportivi di aggregazione sono sempre più frequenti, la socialità non deve avere per nessun motivo barriere che possono ostacolare il bene comune di ogni persona e di qualsiasi livello sociale, culturale, di razza, età; isolare i pregiudizi negativi e la violenza, contribuisce ad avere una Società migliore e avanzata sia nello sviluppo mentale e di associazione, sia quello fisico per un benessere gratificante, specie per stimolare gli adolescenti a creare una precisa identità costruttiva atta alla loro crescita per un inserimento equilibrato in Società. Un esempio pratico che riportiamo è dato dallo studio a campione effettuato dal Centro World Health Organization, in quanto stima che una parte della popolazione della Gioventù, fortunatamente la minoranza, non pratica Attività Motoria Sportiva sufficientemente per prevenire patologie gravi che possono presentarsi annessi ad altri problemi di sedentarietà. A questo interviene la Commissione Europea per sviluppare ed incentivare nelle Sedi opportune tipo la Scuola, l’azione comunitaria dello Sport, indicato per funzioni educative, sportive, equilibri psico fisico, sanità per il fisico di ogni età. Lo Sport oltre che a essere una prevenzione alle malattie, richiama una funzione sociale contro l’intolleranza al razzismo, la violenza e l’abuso di alcool e droghe. Utilizzando lo Sport in modo utile e appropriato ai propri bisogni si acquisisce un’importante solidarietà sociale, morale e di valori di lealtà e spirito di sacrificio comune, inclusa la promozione dello Sport effettuata dai Centri Universitari Sportivi; quest’ultimi aventi una propria organizzazione e gestione autonoma degli impianti sportivi delle Università atti allo svolgimento dei Campionati Nazionali Universitari.

 

Rapporti tra Federazioni internazionali e Movimento Olimpico

Tra le due maggiori Organizzazioni Istituzionali dello Sport, il rapporto comunicativo ed associativo volto alle manifestazioni sportive agoniste e di aggregazione di massa a carattere Nazionale ed Olimpico, era pressoché difficoltoso, in quanto come espresso nella Carta Olimpica l’insieme di regole che dirigono il CIO veniva approvata a fine ‘900 tra i Comitati Internazionale, Nazionali e Federali. Oggetto della discussione era una parte integrante della Carta Olimpica, nello specifico il terzo Capitolo ove per la promozione del Movimento Olimpico, lo stesso CIO poteva dare Riconoscenza a livello mondiale alle Federazioni Internazionali non associate quindi prive di Abilitazione e Codice dell’Antidoping di uno o più Sport con indipendenza amministrativa autonoma; al Comitato Olimpico, derivava una mancata assunzione di una direzione di Patronato volta alla tecnica espressa nella Gare Ufficiali dello Sport Olimpico. Sempre più importanza di voti alle candidature per i Giochi, le Federazioni acquistavano per le selezioni finali di Sedi ospitanti ed il benestare delle pratiche sportive da considerare valide ai fini delle competizioni e di coinvolgimento del pubblico per le stesse. Per arrivare al vero e sostanziale riconoscimento delle Federazione nell’ambito Istituzionale Sportivo, non è stato così facile e breve, in quanto sia chi organizzava la manifestazione, sia chi gestivano le Olimpiadi, impediva l’unità di intenti, causa il principio di autonomia in cui si basava il rapporto di ipotetica coalizione tra le parti. Ne sono prova i raccolti dello stesso Coubertin e dei suoi validi gregari non sempre fedeli agli ideali dell’Olimpo Istituzionale, i quali per certi punti di vista evidenziavano il lavoro di reclutamento di Atleti, per chi dedicava tempo e spirito atletico, giorno dopo giorno alla causa sportiva. Ovviamente senza avere troppi sbilanciamenti filosofici lo stesso Coubertin con i colleghi di scrivania Vikelas, Latour fondatori dell’Impero Olimpico erano attratti più dalla pedagogia teorica che dalla pratica agonistica sui. campo di Sport. Ad altri è toccato l’onore di esaudire il desiderio del competere, tipo i Centri e Club Studenteschi, Dopolavoro Operai ed associazioni borghesi, in contrapposizione alle organizzazioni del CIO con evidenti piani di lavoro diversi; ideali filosofici dello Sport dell’Antichità, con uno scontro e confronto sportivo basato su lealtà ed uguaglianza, contrapposto alla passione dell’Attività fisica regolarizzata da norme e regole riconosciute a livello mondiale, di pratica sportiva ed organizzativa, proprio come l’odierno Sport Moderno. Passato il tempo necessario dei cento anni trovano una collaborazione di intenti, sia il CIO, sia le Federazioni Internazionali, in quanto sia l’una che l’altra hanno contribuito attivamente secondo le proprie vedute allo sviluppo delle Olimpiadi; purtroppo le opposizioni aperte tra le due compagini, porta la Federazione Internazionale a non avere più nessun atto ufficiale di collaborazione con il CIO, mettendo il proprio Sport con disciplina sportiva annesse fuori dai Giochi Olimpici e Movimento Olimpico. La Storia dice che il Comitato Olimpico e la Federazione Internazionale percorrevano di pari passo l’evoluzione dello Sport, da ideologie e finalità ormai passate dal tempo, alla moderna Attività Sportiva con programmi attuali e competizioni volte sia all’agonismo professionale Olimpico, con relativo compenso derivato dai maggiori mezzi di comunicazione, sia a quello amatoriale del comune Popolo.

Storia dell’Antica Grecia e Modernità dei Giochi Olimpici

Sede Organizzativa Olimpia, anno 776 a.C. ciclicità temporale delle dispute olimpiche anni quattro, festa di Popolo, agonismo, tradizioni di vittorie in Guerra. Partecipanti greci e coloniali volti a  Discipline Sportive di corsa e lotta, successivamente estese a pratiche di Pentathlon, Salti, Lanci del Disco e del Giavellotto, Pugilato e Pancrazio, svolte in grandi Stadi, idonei a contenere flussi importanti di pubblico, Autorità Divine accompagnati da riti religiosi canti e poesie per elevare sul podio i vincitori con il premio della Corona di Alloro. Olimpia città situata nella parte occidentale del Peloponneso, oggi uno dei siti archeologici più importanti al Mondo, luogo di culto, sede dei più grandi e affascinanti eventi sportivi della Storia. Alla fine del ‘900 entra di diritto a far parte dei beni protetti dall’Unesco come Patrimonio dell’Umanità. Le celebrazioni sportive erano di stampo religioso in onore di Dio Zeus padre degli Dei e Sovrano dell’Olimpo, proprio da questo che nel periodo del 776 a.C. veniva stilata la prima lista dei Vincitori iridati delle competizioni olimpiche, ancor oggi segretamente conservata in Sede opportuna. Competizioni agonistiche sportive, gare di sacrificio fisico, quale la Dolicos la corsa di resistenza, il Trio della violenza come il Pugilato, Lotta, Pancrazio tecniche di arti marziali annesse calci, pugni, unghiate, gomitate, rottura delle ossa fino ad arrivare allo strangolamento dell’avversario, l’Hoplitodromos corsa con le armi sia su terra sia con l’utilizzo di cavalli e carri. Con lo strapotere vanto dell’Impero Romano sulla Grecia, i partecipanti ai Giochi Olimpici erano suddivisi per territorialità di cui oltre ai romani, gareggiavano Fenici e Galli, ma con l’evento del Cristianesimo le Olimpiadi venivano interrotte nel 393 d.C. in quanto vista come festa pagana. Passano le ere, passano le guerre dei tempi, si susseguono fonti di pensiero religioso, tutto si distrugge con le complicità dei popoli, del potere, di leggi governative, ma è anche vero che da questi episodi pur burberi e sacrificali, nasceva l’evoluzione di pensiero, di sviluppo teorico e pratico della Società, dell’Industria e dello Sport quest’ultimo come forma di benessere fisico e interiore, di aggregazione famigliare e di amicizia, di competizione sportiva leale tra rappresentanti ginnici o semplici praticanti. Alla fine del XIX nascevano con lungimiranza degli Organi Organizzativi le Olimpiadi Moderne con la firma per un nuovo rilancio agonistico sportivo delle Antiche pratiche Greche il francese Barone Coubertin costituendo il primo Comitato Internazionale Olimpico denominato CIO. Con una partecipazione rinata di 15 Nazioni con più di 300 atleti per ogni disciplina Sportiva di una decina di Sport diversi, con Sedi ospitanti sempre diverse; manifestazione sportiva con chiare ed inflessibili regole di accesso alle selezioni dei Giochi a tutti i Paesi del Mondo, delle quali in parte ancor oggi in vigore. Ogni Atleta deve appartenere ad un Società Sportiva aderente al Comitato, per ogni Nazione possono partecipare un numero massimo di tre Atleti alle competizioni individuali, come premio di vincita viene consegnata la Medaglia Olimpica in oro per il primo classificato. Gli Sport definiti da sempre come Olimpici sono l’Atletica, Pugilato, Scherma, Nuoto, Pentathlon moderno, Canottaggio, Ciclismo, Equestre, Calcio, Pallacanestro, Pallamano, Canoa, Polo, Hockey. A questi citiamo anche le Olimpiadi Invernali, con Sede Organizzativa diversa da quella Estiva, nate agli albori degli anni ’20 comprendenti le Sci Alpino e Nordico, Bob, Pattinaggio su ghiaccio e Slittino. Lo Bandiera di rappresentanza Olimpica del CIO era ed è tutt’ora con cinque anelli intrecciati fra loro con i seguenti colori: blu, nero, rosso, verde e giallo i quali indicano i cinque Continenti, con l’intreccio che rappresenta l’Unione pacifica tra Popoli. Inoltre citiamo la fiamma Olimpica portata con una staffetta al braciere Olimpico della Città che ospita i Giochi; ancor oggi la fiamma viene accesa ad Olimpia mesi prima dell’inizio della manifestazione dalla famose “Sacerdotesse”. Il giuramento degli Atleti auspicio di forza e resistenza prima dell’inizio delle competizioni richiama al Citius, Altius, Fortius, motto di apertura della Cerimonia. Il concetto intaccato a favore del grado di preferenza del Pubblico come regola fondamentale dei Giochi Olimpici dato dall’immutabile principio che più è antica è la Disciplina Sportiva più tale principio si applicava, a favore delle Pratiche più frequentate ed accessibili alle persone nella vita reale di tutti i giorni, come forma di espansione dello Sport nelle Comunità Nazionali.