Articolo 69: Soldi, Numeri e Popolarità

IL RUGBY È UNA DISCIPLINA SPORTIVA BESTIALE GIOCATO DA GENTILUOMINI. IL CALCIO È UNA DISCIPLINA SPORTIVA PER GENTILUOMINI GIOCATO DA BESTIE. IL FOOTBALL È UN’ ATTIVITÀ’ SPORTIVA BESTIALE GIOCATO DA BESTIE.

(cit. H. BLAHA rugbista e giornalista statunitense).

Il fascino dello Sport, il primo valore Artistico espresso dall’Atleta nella Disciplina Sportiva di competenza, la teatralità dell’ Evento, la fotografia del movimento, la tecnica conosciuta e maturata in ore e ore di allenamenti, sacrifici e compromessi. La Storia racconta i risultati, le performance degli Attori sportivi principali, rafforzando le crude immagini con poco valore estetico, ma con un alto charme simbolico ed interesse di foto mai sviluppate, tenute gelosamente dentro il cassetto sotto chiave. Eccessi di retorica, una bellezza sfoderata al mondo come trasformazione del Culto, di Religione, di Sapienza, con il serio rischio che l’enfasi renda terribilmente noioso e monotono tutto quanto. I momenti, i confronti sportivi leali sulla terra, dentro ad un complesso attrezzato, freddo ma nello stesso tempo reso bollente dalla passionalità della cornice umana per lo Sport, rendono meravigliose le epiche  imprese passate, le vecchie immagini degne degli affetti dell’opinione pubblica, della Storia stessa. La definizione esatta del termine Sport è l’insieme di attività agonistiche o amatoriali che impegna le capacità psico fisiche, in centri adeguatamente attrezzati. Sport portatore sano di divertimento al di fuori delle mura domestiche. Elementi di base compongono le varie Discipline Sportive e lo Spirito di competizione, ricerca del benessere fisico e mentale imparando a conoscere i propri limiti atletici. Di conseguenza portiamo a conoscenza le categorie di base come lo Sport Indoor svolto in palestra con appositi attrezzi, ed lo Sport Outdoor svolto all’aria aperta, logicamente in base alla partecipazione degli Atleti possiamo elencare lo Sport Individuale, di Coppia infine quello di Squadra. Le competizioni vengono suddivise a sua volta in Discipline Sportive riconosciute come lo Sport da Combattimento, con Racchetta, Equestri, Cinofili, Motoristici, Acquatici associati a quelli remieri, Velici, Nautici; inoltre troviamo Sport Aeri, Invernali, Estremi, Nazionali ed Olimpici. Nel panorama sportivo esistono anche le Discipline della Mente tipo gli Scacchi ed il Bridge, ovviamente associate e riconosciute dal CONI pronte per nuove partecipazioni alle Olimpiadi. Lo Sport è regolato dalla Legge 91 del 1981, la quale stabilisce la divisione tra Sport Dilettantistico e quello Professionistico questi ultimi con dichiarazione della Federazione Sportiva di appartenenza. Le diversità sostanziali si appurano al ricevimento di uno stipendio per prestazione (professionistico), mentre in quello dilettantistico si evidenzia unicamente la pratica sportiva  per funzioni ludiche ricreative. Le comunicazioni dei Mass Media incidono notevolmente sulla scelta e il seguito delle Discipline Sportive, infatti riscontriamo l’evidenza di Sport minori in tal senso per numero di spettatori, questo comporta la mancanza di sponsorizzazioni quindi mancanza di fondi necessari a sostenere la Disciplina Sportiva amatoriale Dilettantistica. La formazione di Giovani Campioncini in campo sportivo è o dovrebbe essere l’eccellenza, la finalità reale di un processo continuo di passione e tempo dedicato allo Sport, per questo non dovrebbero esserci diversità tra Attività e Discipline Sportive. Un sottile velo di polemica ha sempre evidenziato tra gli addetti ai lavori l’eterno dualismo tra Professionismo e Dilettantismo associato alla competizione Regina: L’Olimpiade, la maggior Manifestazione Sportiva Mondiale. Atleti provenienti da ogni angolo della Terra si confrontano nelle Discipline Sportive Olimpiche, fin dall’Epoca della Rivoluzione Industriale (riassumiamo per non ripercorrere gli albori della Competizione), anche gli Atleti Dilettanti erano ammessi ai Giochi, ma con il passar del tempo ed l’evoluzione tecnologica della Comunicazione, gli Sponsor, gli ingenti guadagni Societari, la regola di partecipazione all’Evento Sportivo, subiva dei cambiamenti “generosi” così da non permettere più la partecipazione agli “Atleti Base”, ma solo ai “Professionisti di Attività di Settore” come soggetti trainanti di Pubblicità ed Investimenti milionari. Ovviamente per il buon costume con questa straordinaria manovra veniva messo fine all’Ipocrisia di base per i compensi agli Atleti sia per lo Sport Agonistico pagati per prestazione, sia per quello Dilettantistico pagato sotto “Falso Nueve” di rimborso spese.

Concludo con una massima, apri porta a riflessioni personali, del pluridecorato Barone Pierre De Coubertin: L’importante non è Vincere, ma Partecipare come principio di Lealtà, Impegno e Rispetto per ogni Disciplina Sportiva e grado professionale.

Annunci